ipogeo bacileNoi oscilliamo tra un bisogno di trovarci e ritrovarci e la paura che gli altri possano nuocerci. Siamo affascinati dalle nostre origini, mitiche e inventate, e siamo spesso terrorizzati dalle origini degli altri, lontane e non conosciute. Il problema allora è di fare dialogare le diverse correnti di nostalgia di coloro che arrivano e di coloro che accolgono”. Queste le parole che fanno terminare una serata di incontri e condivisioni presso l’IPOGEO Bacile, frantoio di Spongano, appendice del Palazzo Bacile e appartenente ad uno dei discendenti della famiglia aristocratica marchigiana: Fabio Bacile di Castiglione. Una serata impregnata di arte e cultura quella del 12 febbraio 2017 avente come titolo: CONVERSAZIONI A SUD-EST, poesie, visioni, suoni, sapori, storie del Sud. Realizzare una mostra fotografica, pittorica, letteraria e musicale è stata la sfida dell’associazione LA SCATOLA DI LATTA, dinamica carovana che promuove “CulTurismo Ambientale e Sociale, che ha trovato nella capacità filantropica di Fabio Bacile l’humus giusto per far attecchire la voglia di fare rete, contro ogni isolamento. L’ipogeo con i suoi archi e gallerie ha permesso ogni tipo di scambio tra artisti, inebriati dalla bellezza del luogo, dichiarato d’interesse storico-artistico dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per la provincia di Lecce; come redattrice di Inondazioni web chiedo al proprietario da quanto tempo la struttura è attiva. Fabio mi dice che “questo che ora viene adottato come teatro sotterraneo, è stato utilizzato come frantoio a partire dal XVII secolo fino alla metà degli anni Cinquanta del Novecento, è il primo nel Basso Salento dedicato alla produzione industriale di olio alimentare”. È stato un viaggio multisensoriale straordinario, ogni pilastro era una nicchia votiva all’arte, a una foto isolata, a uno squarcio di dipinto. Un percorso artistico letterario musicale che è partito dalla Campania con la collaborazione del gruppo Napolinaria, il quale ha offerto al pubblico bouquet di note profumate di vicoli e vicoletti napoletani. Con le parole di Regginella, abbiamo quasi visto davanti agli occhi Spaccanapoli e i personaggi dei Bassi, grazie alla voce di Tania Lamparelli e l’accompagnamento di Gianni Seviroli. Anche Pino Daniele ha fatto capolino nella serata attraverso brani come Alleria e Cammina Cammina con la vocalist Elena Manigrasso. Il momento letterario è stato anticipato da versi di Rocco Scotellaro per salutare amici e artisti della Lucania, per poi passare al nostro Salento, fino al Mar Mediterraneo e all'Africa. A seguire vi è stata la presenza teatrale di Fabrizio Saccomanno con il suo “PAROLE DATE”. In “Parole Date” dice l’autore, “ripercorro alcune storie che mi hanno attraversato in più di dieci anni.
Ho sempre pensato che il teatro è vivo anche perché a volte è inscindibile dagli istanti di vita di cui si nutre.” Di seguito i nomi degli artisti cha hanno partecipato a “Conversazioni a Sud –Est”: Mimmo Villani: “rEsistenze”; Elena Manigrasso e Lucilla Sergio: “Donne del Sud”; Marco De Mitri: “Visioni a Sud”; Luciano Greco: “Radici a Sud-Est”; DanieleMercadante: “Ti racconto il Salento”; Valerio MassimoManco, FrancescoBuccarelli e Albert Caroppo (@Abitare i Paduli: Proiezioni e visioni di Meditfilm. Paesaggi: Le Vie del Sale di Corsano; A proposito d’Africa: Tre Giriditè, Angolo dei sapori con: Birrificio Lentopede e Salento Km0. Riflessione su “Mezzogiorni, Mediterraneo, Sviluppo, Migrazioni”. Pillole storiche di Alberto Signore sulla Famiglia Bacile di Castiglione. Conversazioni su “Il sindaco contadino. Rocco Scotellaro tra politica e poesia” con Antonio Lamantea e Cosimo Perrotta. I ntegrAzioni a cura di: Roberto Molentino  “Altritudini”, Matteo Greco con il libro “C’era infinite volte il sud”.

Che dire, si torna a Taranto dopo una intensa serata passata nel Salento: come gruppo di artisti e fotografi abbiamo partecipato ad una esposizione dedicata allo sguardo catturato col pennello, la matita, l’occhio meccanico, la musica. Ma la signora arte è stata aiutata dalla location in cui si è svolto l’evento che ha dato il tocco di spiritualità e senso di appartenenza a ogni cosa. È ora di partire. A presto amici, ci vediamo a Taranto per altri momenti culturali. Questo è fare rete.

Amministrative Galatina: i candidati sindaco a confronto

Archivio video
game store gif v3

Nuovi sapori col gusto della tradizione, e da oggi anche comodamente a casa tua

pizzicheria pastiadomicilio webEtnica, molecolare, fusion, fingerfood, streetfood, trashcooking etc.. : anche l’arte culinaria segue tendenze e mode che di anno in anno si rinnovano e moltiplicano. Leggi tutto...