Finisce l’incubo per due donne. Troppe le vessazioni e le umiliazioni subite da madre e figlia ad opera del compagno della giovane, CARRISI Mattia cl.’86, di Aradeo, già conosciuto per problemi con la giustizia a causa del suo temperamento violento ed irascibile. La due donne, domiciliate con l’uomo, non hanno più resistito al culmine dell’ultima escandescenza per futili motivi ed hanno chiamato il 112 nella tarda serata del 16 Settembre. carrisi mattiaTempestivo l’intervento Carabinieri della Stazione di Aradeo, guidati dal Maresciallo Maggiore Vito De Giorgi. I militari hanno trovato le due donne in stato di shock: quindi le hanno condotte prima di tutto, a salvaguardia della loro incolumità psicofisica, presso l’ospedale di Galatina, ove sono state entrambe giudicate guaribili in 10 giorni di prognosi per le lesioni subite dall’uomo (contusioni ed ematomi agli arti) e per un stato di ansia reattivo ingenerato. Solo dopo hanno entrambe trovato la forza ed il coraggio di confessare ai Carabinieri le numerose violenze subite, gravi e reiterate nel tempo, sia di natura fisica che morale, comprovate dai numerosi lividi sul corpo e dallo stato ansiolitico dei certificati medici. L’uomo è stato pertanto arrestato in flagranza di reato e tradotto presso la Casa Circondariale di Lecce, a disposizione del Sostituto Procuratore di Turno, Dottoressa Roberta Licci, con l’accusa di lesioni personali e maltrattamenti in famiglia.

Solitudine - Loneliness

Archivio video
cinque-x-mille-comune-galatina