rifiuti stradaCiao Tommaso, spero tutto bene. Ti scrivo per ragionare “a voce alta” su quanto si sta leggendo in questi giorni riguardo la raccolta dei rifiuti abbandonati. Devo essere sincero: ho capito ben poco. Sono una persona semplice e pratica e amo poco i comunicati stampa, solitamente scritti per suscitare emozioni più che per dare indicazioni e risposte.

Non entro nel merito delle questioni politiche tra maggioranza e opposizione. Per entrambi ritengo che il periodo di “apprendimento” deve ancora concludersi. D’altronde i temi aperti che riguardano il Comune di Galatina sono tanti e non sarà semplice affrontarli in modo strutturato, né da una parte (chi è chiamato ad amministrare in modo efficace ed efficiente), né dall’altra (chi è chiamato a fare opposizione costruttiva).

Andiamo dritti al punto.

La Carta dei Servizi in vigore tra il Comune di Galatina e Monteco prevede quanto segue (estratto): {nomultithumb}
tabella



La frequenza di intervento per il recupero dei rifiuti abbandonati appare essere settimanale.

La fonte è lo stesso sito della Monteco, nel quale è riportato l’elenco dei comuni presso i quali eroga il proprio servizio. Una specifica pagina web, dedicata al Comune di Galatina, riporta gli elementi chiavi che riguardano i rapporti con le utenze.

Caro Tommaso, per un’azienda che eroga servizi di natura pubblica la Carta dei Servizi è il pilastro per eccellenza su cui si fondano le relazioni con i cittadini. Me ne sono occupato anni fa per un paio di aziende nazionali da svariati miliardi di fatturato e, su questo documento, c’è molta attenzione nella sua redazione e gestione. Il documento pubblicato in rete riporta come ultima revisione “Dicembre 2016”, quindi assumo che sia l’ultima versione disponibile, e quindi quella attualmente vigente.

Premesso che, rispetto alla mediocre gestione della raccolta dei rifiuti operata dal precedente gestore, con la Monteco ritengo che si sia avuta una positiva inversione di tendenza nella qualità del servizio, nella citata Carta, oltre che la frequenza, è presente un altro elemento importante: i fattori di qualità del servizio.

Sono presenti quattro indicatori di prestazione diversamente associati ai servizi in ambito:

  • non rispetto delle frequenze di raccolta;
  • numero di contenitori rimpiazzati e tempo di sostituzione;
  • % di non rispetto;
  • rispetto dei tempi di intervento.
Ed una seria di standard di qualità indicati in una tabella separata.

Per cui le domande (non solo per i rifiuti abbandonati) che sorgono spontanee sono:

  • come sono prodotti questi indicatori di prestazione e standard di qualità?
  • quali processi di controllo e di contraddittorio sono previsti per un’attenta verifica da parte di Palazzo Orsini del livello dei servizi?
  • qual è, alla data, il numero dei reclami pervenuti e lo stato degli indicatori per ciascun servizio elencato nella Carta?

Non è che non sappia che <omissis> fare durante le ferie e ho passato le mie giornate pensando a quali domande fare pur di scrivere qualcosa sull’argomento. Ritengo il tema rifiuti importante, sia dal punto di vista dell’ambiente, sia dal punto di vista economico per le famiglie e le imprese galatinesi. Per questo è importante che ciò che è scritto in un contratto, in una carta dei servizi, su carta da parati …. ovunque la vogliano scrivere, venga anche verificato nella sua attuazione pratica.

Qui la discussione diventerebbe di carattere più generale e questo, caro Tommaso, ci porterebbe ad affrontare anche il tema “Palazzo Orsini”. Un’enciclopedia più che un tema, fatta di persone, con le proprie storie, ruoli e competenze, ed anche processi, procedure e strumenti a supporto. Non solo mera normativa. Ma preferisco tornarmene a fare foto per la campagna galatinese.

Se questa Amministrazione o qualcuno dei consiglieri di opposizione vorrà farmi pervenire una risposta alla domande di cui sopra, ritengo che ciò possa essere non solo di mio interesse. Spero, e non è un passaggio di falsa circostanza, che tutto fluisca nel migliore dei modi.

Non entro nel merito del verbale sottoscritto tra le parti, Comune e Monteco, il 3 agosto. Lascio il tema a chi si occupa di politica, anche se non sarebbe male approfondire il modello di funzionamento che riguarda nello specifico la raccolta dei rifiuti abbandonati, stante la frequenza settimanale prevista nella Carta.

Riguardo la mancata partecipazione al bando, visto che è oggetto di aspra discussione tra maggioranza e opposizione, preferisco starmene “lontano” nell’attesa di leggere le domande e le risposte che arriveranno tramite le interrogazioni che una parte delle opposizioni sta presentando.

Ultimo inciso. La raccolta dei rifiuti abbandonati avviene su suolo pubblico. Spesso i rifiuti vengono gettati oltre il ciglio della strada, cadendo su suolo privato. Ciò che è presente su suolo privato non viene raccolto dalla Monteco (lo stesso bando parla di cigli stradali). Questo è un altro tema che andrà affrontato prima o poi, possibilmente senza nuocere ai proprietari quasi sempre ignari e inconsapevoli di ciò che la mano di qualche ignorante combina.

Un caro saluto
Massimo Negro

Carissimo Massimo, la questione dei rifiuti è stata sempre un argomento che ha aperto lunghi dibattiti, spesso estenuanti discussioni più delle volte sterili. Affrontare invece il tema come hai fatto tu significa entrare nel merito, approfondire la conoscenza di ciò che si parla e provare a far rispettare gli accordi che si siglano. Molte volte accade che si polemizza senza conoscere i fatti, mentre l’attuazione di semplici regole sottoscritte, che impegnano le parti, vengono ignorate. Detto ciò, riguardo la polemica in corso sulla mancata partecipazione dell’attuale Amministrazione al contributo regionale relativo all’ordinanza 480/2017 del Presidente della Regione, anche io preferisco per il momento tacere per approfondire. Cercando di assumere, come scrive l’Assessore Dettù, quel “senso di responsabilità” perché spesso la critica “può anche basarsi sull’impulso di un momento”. Ricordando comunque a me stesso, che la Città di Galatina ha tutte le carte per rappresentare una realtà “a vocazione turistica”, comprese le strade che la circondano. T.M.

Per chi vuole approfondire:

Monteco – Comune di Galatina: http://www.montecosrl.it/it/comune?id=2

Volley: Olimpia S.B.V. Galatina vs Pallavolo Bari

Archivio video

Nuovi sapori col gusto della tradizione, e da oggi anche comodamente a casa tua

pizzicheria pastiadomicilio webEtnica, molecolare, fusion, fingerfood, streetfood, trashcooking etc.. : anche l’arte culinaria segue tendenze e mode che di anno in anno si rinnovano e moltiplicano. Leggi tutto...