donne del vino foto di gruppoCondivisione, rete, formazione, riflessione, studio, vino e cibo tipico regionale: sono le parole che meglio esprimono quanto accaduto sabato 3 marzo a Lucera (Fg), Ostuni (Br), Manduria (Ta) e Copertino (Le) in occasione della Festa delle Donne del Vino che ha celebrato i trent’anni di attività della più grande associazione mondiale di donne del comparto enologico.

La delegazione pugliese, guidata da Marianna Cardone, ha fissato quattro appuntamenti seguendo il tema scelto dal direttivo nazionale “Donne vino e cinema” e così, lungo la Puglia nel corso della stessa giornata, si sono tenuti incontri, dibattiti, approfondimenti, mini lezioni, visite nelle cantine e degustazioni guidate che hanno promosso la cultura del vino e il ruolo delle donne nella società e nel settore enologico.Tante le socie pugliesi che hanno partecipato ai quattro appuntamenti e hanno contribuito, con impegno e collaborazione, a raggiungere il grande successo di pubblico e la piacevole atmosfera registrati in ciascuna delle tappe.Il primo appuntamento della giornata, a Manduria (Ta), dal titolo “Pellicole etiliche”, si è svolto nelle Cantine Soloperto a cura di Sabrina Soloperto, un dibattito sul cinema con Sisto Sammarco.

Sempre in mattinata, a Copertino (Le), nelle Cantine Garofano Renata Garofano e Marianna Cardone hanno accolto molte donne per un aperitivo in rosa dal titolo “I talenti delle donne, storie al femminile”, un talk per scambiarsi esperienze. Nel pomeriggio alle 18 poi, a Lucera (Fg), Galleria Manfredi ha ospitato “Cinegustando la Puglia”, iniziativa presentata da Divinamente Donne a cura di Marika Maggi (Cantine La Marchesa) con una degustazione guidata con Betty Mezzina, proiezioni, un talk con marco Torinello, performance attoriali e musicali. Nello stesso pomeriggio, Masseria Il Frantoio a Ostuni (Br) è stata teatro per “Quando il vino incontra la cultura”, a cura di Lucia Leone (sommelier della struttura) con la presentazione del libro di Pino De Luca con Giusy Santomanco, proiezioni, degustazioni e una cena.

«Anche per la seconda edizione della Festa delle Donne del Vino – dice Marianna Cardone, delegata per la Puglia - siamo riuscite nella nostra regione a realizzare un evento diffuso, unico e originale con la varietà delle proposte, ciascuna con le sue peculiarità: mini degustazioni, coinvolgimento di settori professionali eterogenei, proiezioni d’interesse sociale e culturale. L’energia profusa dalle socie coinvolte si è indirizzata verso un obiettivo unico: diffondere la cultura del vino, del bere bene e del suo panorama al femminile. Ringrazio chi ha contribuito a rendere ancora una volta innovativo l’operato della nostra delegazione».

Presentazione dell'ex Complesso monastico delle Clarisse ristrutturato

Archivio video
cinque-x-mille-comune-galatina