questura 01Resta alta, pure in periodo di emergenza epidemiologica, la guardia della Questura di Lecce, per abbattere i fenomeni criminosi, anche attraverso una vasta attività di prevenzione, attraverso l’emissione delle omonime misure che, come previsto dal legislatore, sono applicate ai fini della difesa sociale contro i pericoli derivanti da quelle condotte illecite ritenute particolarmente rischiose per la sanità, la sicurezza e la tranquillità pubblica.

Nel periodo dal 1° marzo ad oggi, l’Ufficio Misure di Prevenzione della Divisione Anticrimine della Questura di Lecce, ha emesso:

n. 47 provvedimenti di avviso orale, la maggior parte dei quali emessi nei confronti di soggetti denunciati o, anche, arrestati per reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

n.10 fogli di via obbligatori nei confronti di soggetti sorpresi a delinquere in comuni della Provincia di Lecce, dove non avevano altri motivi di recarsi, se non quello di commettere atti illeciti.

n.  12 provvedimenti di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive, comunemente chiamati D.A.Spo., per eventi verificatisi in occasione di incontri di calcio e in particolare :

- 3 per i fatti accaduti in occasione dell’incontro di calcio Lecce-Inter del 19 gennaio scorso, durante il quale fu esposto uno striscione ingiurioso nei confronti dell’allenatore Antonio Conte e fu consumata l’aggressione e la rapina di vessilli neroazzurri e l’incendio di una sciarpa in tribuna Sud;

- 9 per fatti verificatisi durante incontri di calcio di squadre minori, disputatisi nella provincia di Lecce prima della sospensione dei campionati per l’emergenza COVID

Sono stati inoltre emessi, n. 8 Daspo, cd. fuori contesto, cioè applicati, non per episodi di violenza verificatisi durante manifestazioni sportive, ma nei confronti di  persone recentemente arrestate, denunciate e/o condannate per reati inerenti la detenzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti; questi provvedimenti, emessi al fine di contenere ulteriormente la contiguità tra criminalità comune e tifoserie violente, prevedono, oltre al divieto della frequentazione degli stadi, anche il divieto di aggirarsi nei pressi  dello stadio “Giardiniero” di Lecce,  dove gli spacciatori potrebbero, insieme agli acquirenti, agevolmente confondersi tra i numerosissimi spettatori, richiamati ad assistere alle partite delle blasonate squadre di serie A, in cui milita il Lecce.

Sono stati inoltre proposti al locale Tribunale 10 soggetti per l’applicazione della sorveglianza speciale di p.s., dei quali

n.1 nei confronti di un soggetto dedito alla consumazione di truffe on -line;

n.1 nei confronti di un soggetto dedito alla consumazione di furti;

n.2 nei confronti di soggetti, che con le loro condotte, hanno manifestato di essere pericolosi per la sicurezza e la tranquillità pubblica;

n.6 nei confronti di soggetti dediti al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nello stesso periodo infine sono stati sottoposti alla misura della Prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza su proposta del Questore di Lecce due pericolosi pregiudicati dimoranti nella provincia.

Limita il contagio da Corona Virus

Archivio video
107287905 272629587521443 4229183888492200379 o 1