rissa gallipoli 1Sono stati tutti identificati e denunciati, dagli agenti del Commissariato di P.S. di Gallipoli, i partecipanti alla violenta rissa che si è scatenata la notte 20 giugno scorso all’uscita di una nota discoteca di Gallipoli. 

Si tratterebbe di: S. S.F. classe 1998 di Gallipoli; G. M.  classe 2000 di Taviano; C. M. classe 2000 di Taviano; F. M. classe 2003 di Gallipoli; S. R. classe 1997 di Surbo; B. S. classe 1996 di Napoli e A.S. G. classe 1997 di Napoli.

Gli agenti del Commissariato di P.S di Gallipoli, la mattina del 20 giugno, hanno appreso che presso l’ospedale di Gallipoli era stato ricoverato, in prognosi riservata, un giovane di origini napoletane che, nelle ore precedenti, aveva partecipato ad una violenta rissa scatenatasi all’esterno di una discoteca di Baia Verde.

Appresa la notizia, gli investigatori hanno avviato le indagini dalle immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza installato all’esterno della discoteca che aveva ripreso tutta la scena. Attraverso un lavoro meticoloso di visione dei filmati, reso difficoltoso dalla presenza massiccia di giovani presenti all’atto dello scontro all’uscita della discoteca e dal buio della notte, gli investigatori sono comunque riusciti a risalire all’identità di tutti i giovani che hanno partecipato alla rissa e che si sono resi responsabili del reato di rissa aggravata.

 

Nello specifico, è emerso che a contendersi sono stati due gruppi di giovani: uno composto da 5 giovani di origini napoletane e l’altro composto da 5 giovani di Gallipoli e comuni limitrofi.

L’episodio si è sviluppato in due momenti.

Il primo all’uscita della discoteca, totalmente ripreso dalle telecamere di videosorveglianza, ed il secondo poco più avanti, nei pressi della zona dei lidi balneari, dove, gli operatori della polizia scientifica del Commissariato hanno rinvenuto una pozza di sangue, riconducibile al pestaggio che alcuni giovani del posto avrebbero compiuto ai danni del 22enne napoletano successivamente ricoverato.

La rissa è scoppiata per futili motivi ed ha comportato il ricovero in ospedale del 22enne napoletano che ha riportato diverse lesioni tanto da essere refertato con una prognosi riservata e successivamente essere sottoposto ad un intervento chirurgico maxillo-facciale presso l’ospedale “Cardarelli” di Napoli.

Sono in corso indagini per risalire all’autore delle lesioni gravi riportate dal giovane napoletano.

App Immuni “Un piccolo gesto, per un Grande Paese”

Archivio video
whatsapp image 2020 09 08 at 15.23.06
galagym