babbo nataleNatale all’insegna della solidarietà all’Istituto Comprensivo Polo 3 di Galatina. Alunni, docenti e genitori delle classi prime, seconde e terze Scuola Primaria hanno assistito ieri alla rappresentazione di una fiaba animata “Un Natale di magia” presentata dall’Associazione “La stella della speranza” che opera a Lecce e si occupa della ricerca sulle malattie neoplastiche dell’infanzia, raccoglie fondi per finanziare progetti di assistenza e collabora al servizio di assistenza domiciliare per offrire ai piccoli pazienti
le cure necessarie nel loro ambiente familiare.
In un’atmosfera serena e festosa, allietata anche dalla presenza di Babbo Natale, i bambini, oltre ad essere spettatori, hanno partecipato attivamente alla rappresentazione con canti natalizi e coreografie.  Durante lo spettacolo ogni bambino ha inserito, in un salvadanaio numerato con su scritto “Dona un sorriso anche tu”,  un’offerta libera. La finalità della manifestazione è stata quella di sensibilizzare i bambini alla solidarietà e donare un sorriso a chi è in difficoltà proprio in occasione della ricorrenza del Natale che più di ogni altra assume una molteplicità di valori e significati fondamentali per la vita di ognuno. A breve l’appuntamento è in Piazza Sant’Oronzo a Lecce per quantificare il ricavato e sottolineare il valore della solidarietà.Nell’ambito degli eventi galatinesi “Natale in tutti i sensi”, il Polo 3 è in via Umberto I dove bambini e genitori della Primaria hanno allestito uno splendido Presepe, nella cornice del mercatino della solidarietà proposto dai ragazzi della Scuola Secondaria di I grado “Giovanni XXIII”  che ha come obiettivo la raccolta di fondi da devolvere all’Associazione Genitori Onco-Ematologia Pediatrica "Per un sorriso in più" onlus di Lecce, un'organizzazione di volontariato formata da genitori dei bambini affetti da tumore o leucemia e da quanti si interessano alla vita dell'Associazione stessa. Non solo Associazioni del territorio: le classi terze della Scuola Secondaria “Giovanni XXIII” continuano a raccogliere fondi per l’Associazione “Amici della Guinea Bissau” di Torino cui il nostro Istituto ha già devoluto tanto per la costruzione di un edificio da adibire a scuola e per adozioni di bambini, nella consapevolezza delle difficoltà politiche in cui versa il Paese e della necessaria scelta di dover fornire aiuto in loco, sia materiale (cibo e ospitalità) sia formativo-professionale sia morale-religioso-civile.L’Istituto continua nella sua opera di solidarietà anche mettendo a disposizione della comunità tutta la dotazione di tre defibrillatori, di cui uno, a suo tempo donato, collocato nei locali della Scuola Secondaria “Giovanni XXIII”, a disposizione anche delle società sportive che utilizzano la palestra, e due altri, acquistati con il ricavato di progetti solidarietà dello scorso anno, a disposizione dei plessi di via San Lazzaro e via Spoleto, a coprire una vasta area del territorio comunale.Per il Polo 3 solidarietà vuol dire mettere a disposizione di tutta la comunità la propria idea di cittadinanza attiva e partecipata sulla quale sono incentrati i progetti dell’istituzione e la collaborazione con l’associazionismo territoriale e non. 

VII Festival Canoro del Centro D.I.R.E.

Archivio video
volley