Via crucis - Noha

Archivio video

vivarelliIl romanzo narra la storia di Samuel, un whipping boy, che subisce le punizioni corporali al posto di Ludovico, di rango troppo alto per riceverle direttamente. La vicenda ha una bella cornice storica: Venezia d'inizio '800. Samuel è un orfano ebreo; dopo una serie di furtarelli per fame, il rabbino Abrabanel lo spedisce a casa di un ricco commerciante per fare compagnia al figlio Ludovico.



Ben presto Samuel scopre qual è il suo compito, tuttavia non reagisce alle umiliazioni che il precettore gli infligge e riesce a creare un legame con Ludovico grazie agli scacchi. Quando il precettore insidia il giovane ebreo senza risultato, architetta un furto; Samuel accusato ingiustamente scappa ed inizia una grande avventura: parte da Venezia verso Livorno; un viaggio iniziatico in cui il ragazzo conosce il mondo degli uomini e si salva grazie alla sua bravura nello sbaragliare gli avversari nel gioco degli scacchi.

È un libro di formazione in cui il protagonista supera una serie di prove, prima di guardare il mondo con fiducia e riscattarsi dalle ingiustizie subite. Cos'è che permette a Samuel di essere artefice del suo destino? La determinazione, l'intelligenza, la capacità di ascoltare e imparare.

Un libro che appassiona nonostante siano affrontati alcuni temi forti come la pedofilia, l'amore di una vedova per il ragazzo, il gioco d'azzardo come motivo di riscatto sociale; in verità sono aspetti tematici appena sfiorati e funzionali alla narrazione, che eccelle per brio e rapidità, per essenzialità e profondità. Alla fine quello che emerge è l'accoglienza senza pregiudizi dell'avventura umana, da affrontare con coraggio e con reattività di fronte alle novità che la vita frappone nel cammino.