20180826 184129Un viaggio non è mai inutile. Intreccia relazioni oltre a curare gli occhi con colori e odori del paesaggio. Questo ha regalato l’isola di Ischia. Ha regalato incontri di persone e di amicizie. Basta a volte scambiarsi una parola, magari proprio alla fine della vacanza che scatta un’alleanza, ci si riconosce, si riconoscono sorrisi e ferite.

Ed è così che da Ischia ci ritroviamo a Taranto e precisamente a Carosino per l’incontro periodico con “Donne in fermento”, comitato che si occupa di promuovere le pari opportunità e di contrastare la violenza di genere.

Il comitato ha sostenuto durante l’estate numerose iniziative. Ha partecipato al cartellone eventi del Comune di Carosino, alla  52^ edizione della Sagra del vino con la serata di musica, poesia, informazione presso le Cantine Giai di Tiziana e Daniele Marinelli. Ora si rimbocca le maniche per organizzare gli eventi autunnali. In riunione con fondatrici e socie si è pensato di organizzare un Cineforum che presenti film documentari contro ogni stereotipo sulle donne. Una idea è proiettare “Processo per stupro” del 1979, dato che l’arringa dell’avvocata Lagostena Bassi è una vera e propria lezione di Diritto, a favore della dignità di ogni essere umano.

Luisa, una delle socie, propone la realizzazione di un convegno che potrebbe avere come tema “La donna come risorsa nella società”.

Come al solito in ogni riunione ci si ascolta, il comitato nasce proprio come momento di mutuo ascolto. Ed è qui che avviene il miracolo di sorellanza. Ci raccontiamo un pezzo di vita nel quale ognuna si riconosce: “Principessa. Con questa parola puoi affrontare il mondo intero. Te la dice lui e sembra crederci. E tu ci credi. E per questa parola ingoi rospi e spintoni. E tu dici “è un momento, passerà”. Ma questo momento non passa, anche se dai degli ultimatum, sempre disattesi. E ti senti dire che sei tu che non funzioni, che se tu la pazza della relazione. E qui cominci a realizzare che se non vai via, ti annienterai, ti spegnerai giorno dopo giorno. Vai via ma con una domanda che ti arrovella il cervello. Perché proprio a me?

Non cerchiamo le risposte, perché non siamo noi le sbagliate. Prossimo appuntamento alla fine del mese di Settembre presso Psicobar di Veronica, con apertura di prosecco che inneggia alla parità dei diritti, per tutti. Nessuno escluso.

En.Ter. progetti, i lavori all'aeroporto di Galatina

Archivio video