Gli alimenti e la nutrizione sono considerati fra i principali fattori ambientali in grado di influenzare l’induzione di malattie croniche non trasmissibili, in particolare sul cancro, sulle malattie cardiovascolari e sugli ictus.

Il cancro è una malattia molto complessa che ha nella sua genesi diversi fattori, alcuni sono genetici (familiarità) e quindi immutabili (al momento!) ed altri sono quelli ambientali (dieta, stile di vita, inquinamento), per fortuna mutabili.

Per comprendere quale sia il potenziale preventivo di una corretta alimentazione, bisogna capire che il cancro è un evento molto complesso (peraltro non sempre molto chiaro) in cui alcune sostanze agiscono direttamente sul DNA (il nostro software) provocando una riprogrammazione genica delle cellule che, grazie anche alla sovra espressione ormonale, le porta a una proliferazione incontrollata.

Ma cosa porta questi geni ad agire “follemente”?

Siamo una delle macchine più scientificamente precise che la natura abbia mai concepito, cosa la porta a “impazzire”?

I principali fattori cancerogeni per l’uomo sono: il fumo di sigaretta, l’infezione, l’infiammazione, la nutrizione e i cancerogeni contenuti nella dieta, la nutrizione incide per più di un terzo sul totale delle cause di cancro; tali fattori possono essere distinti in genotossici se inducono direttamente un danno sul DNA e promotori se inducono la proliferazione cellulare.

Tra i composti genotossici si annoverano: le micotossine, presenti in cereali, caffè, cacao, frutta secca, prodotte dai funghi ivi presenti; gli idrocarburi policiclici aromatici frutto della combustione incompleta di materia organica, come carni alla griglia e fumo di sigaretta; le amine eterocicliche presenti nel pesce e nella carne dopo la cottura.

Tra i composti promotori troviamo: diete ipercaloriche; diete ricche di grassi di origine animale e povere di omega 3 (presenti in frutta secca e pesce azzurro); diete povere di sostanze che impediscono l’accumulo di lipidi nel fegato (come la lecitina di soia); inoltre, diete troppo ricche di sale sono associate a cancro gastrico.

Tutti noi, purtroppo, siamo stati toccati direttamente o indirettamente da questo male, molti di noi si sono sentiti impotenti davanti a questa parola; ma sebbene la medicina debba fare ancora tanto per aiutare i malati di cancro, noi nel nostro piccolo possiamo impegnarci per prevenirlo.

En.Ter. progetti, i lavori all'aeroporto di Galatina

Archivio video