cadde-cadde-granoLe cadde cadde sono un ottimo antipasto da gustare caldo, proprio come indicato nel nome, durate le cene delle feste natalizie e prima di cominciare devo fare un ringraziamento speciale alla signora Piera che mi ha gentilmente donato gli ingredienti dell’antica ricetta della sua famiglia.



Ingredienti: 250 gr di farina di grano duro, ½ tazzina di olio d’oliva “sfumato”, 100 ml circa di acqua tiepida, 1 cucchiaino di sale, olio di semi di girasole per friggere.
Per il ripieno: 200 gr di grano, pomodori, capperi e olive nere q.b., olio d’oliva.
Prima di preparare l’impasto dobbiamo cuocere e far raffreddare il grano, che nella tradizione dovrebbe essere messo a bagno per qualche ora e poi cotto in abbondante acqua salata. Io, invece ho acquistato il grano Barilla, che cuoce in acqua bollente salata  in 15 minuti circa. Nel frattempo prepariamo la pizzaiola ,  cuocendo in una padella con un filo d’olio per qualche minuto,  i pomodori tagliati a pezzettini, le olive sminuzzate e i capperi.
Passiamo quindi all’impasto delle cadde cadde, versiamo sulla spianatoia la farina e il sale, aggiungiamo lentamente l’olio d’oliva che avremmo precedentemente messo a scaldare sul fuoco fino a che non esce un po’ di fumo (olio sfumato) e iniziamo ad impastare aggiungendo l’acqua calda. Quando abbiamo ottenuto un panetto liscio ed omogeneo lo avvolgiamo nella pellicola e lo lasciamo riposare per qualche minuto, il tempo necessario per amalgamare il grano con la pizzaiola e aggiungere un cucchiaio d’olio d’oliva.Passiamo ora a tirare le sfoglie con la macchinetta della pasta, dividendo l’impasto in tre e passandolo prima un paio di volte al numero 1 e successivamente al numero 6. Dalle ultime sfoglie ricaviamo dei cerchi usando un tagliapasta o un bicchiere, mettiamo al centro un po’ di grano, spennelliamo  metà bordi dei cerchi  con dell’acqua e ripieghiamo a metà, sigillando bene  i bordi.
Le cadde cadde sono pronte devono solo essere fritte in abbondante olio di semi caldo, girandole su entrambi i lati, fino a quando non diventano dorate.
Continua a leggere le ricette di Ilaria sul blog unacucinatuttaperse.wordpress.com

La Notte della Taranta 2018

Archivio video