il bastardoCon una rilettura delle strutture più classiche del rock Simone Piva ed i Viola Velluto fanno ricredere anche i veri bastardi dentro

Quando mi hanno proposto la recensione di questo “Il Bastardo” di Simone Piva & I Viola Velluto, da un certo punto di vista sono rimasto un po’ scettico poi, il mio amico Alessandro mi ha convinto a riascoltarlo ed io l’ho fatto diverse volte, credetemi, e devo essere sincero perché mi sono ricreduto sulle prime impressioni che il disco mi aveva fatto.

Add a comment

caliniUn disco fresco dove la ricchezza di generi è la base di tutto

Quando mi è arrivato il cd all’inizio ero un po’ sulle mie, il tutto probabilmente dovuto alla mia personale crescita e maturazione musicale, ma si sa che spesso alcuni dischi, apparentemente lontani dai generi cui siamo abituati, in realtà si dimostrano poi vicini a quelle scelte che nel tempo abbiamo maturato sia con l’esperienza che con interminabili ore di ascolti.

Add a comment

01 cover la campagna del rumoreLo spirito reggae, l’energia dello ska, il ritmo incalzante del funky: questo è Dutty Beagle, un mix di suoni che attraversano l’anima di questo strano personaggio in bilico fra esplosività e sentimento. Antonio Cusati, in arte Dutty Beagle, nasce il 4 febbraio 1992. Cresce a Marina di Camerota (SA), un paese fortemente influenzato dalla cultura sudamericana (venezuelana in particolare) a causa dell’emigrazione di massa dei primi del novecento. Sin dall’infanzia frequenta un ambiente solare e spensierato in un quartiere, la Chiandata, che si rivelerà fondamentale per la crescita fisica e artistica.

Add a comment
gto super 150x150I GTO con la produzione di Super, che giunge a ben cinque anni dall’ultimo lavoro pubblicato nel 2013 dal semplice titolo Little Italy, si pongono al confine tra quell’ipotetica linea che separa rock’n’roll e folk all’italiana.
Add a comment

stamina heavenblastDopo alterne vicissitudini gli Heavenblast sfornano un album che lascia senza fiato anche chi il rock non lo ascolta di frequente. Tra atmosfere dure e delicati passaggi sembra di imbarcarsi in un viaggio dove il rock non è solo allo stato puro ma si lascia contaminare da altri generi senza mai strafare. Insomma musica per i nostri padiglioni auricolari.

Add a comment

reveersQuando metti su questo disco la mente va indietro, si, indietro nel tempo a quei dischi che hanno forgiato i nostri ascolti. In To Find A Place, lavoro di esordio della band friuliana dei Reveers, la presenza di atmosfere che hanno accompagnato la nostra crescita è presente ed in misura del tutto personalizzata.

Add a comment

blue cash Tutti lo ricordano per il suo country anche se in realtà Johnny Cash ha solcato tutti gli stili musicali ma anche precorso i tempi; tutti, dicevamo, tranne i Blue Cash che nello sfornare questo loro secondo lavoro dopo l’omonimo esordio con Blue Cash, sembrano fare dell’icona statunitense la loro ispirazione. E non sono nemmeno americani, anzi sono italianissimi nonostante siano stati così fortemente influenzati tanto da realizzare, grazie all’etichetta Music Force, questa loro seconda produzione che è anche deflagrante. Già perché qui la musica è si acustica ma avvolgente e carica di quel rock che viene pescato qua e là nelle sterminate discografie, ma arricchito con uno stile del tutto personale.

Add a comment
porcospinoE' stato pubblicato per la Chinasky Edizioni nella collana Voices il libro di Enrico Rocci "Il Culto dell'Albero Porcospino - Storia, sproloqui e ricordi dei Porcupine Tree", primo libro su questa band, e sul suo carismatico leader Steven Wilson, che ha saputo creare, in barna a qualche detrattore, un sound unico che ha influenzato il rock psichedelico e progressivo degli ultimi venticinque anni.
Add a comment

Il videoclip per la lotta contro i tumori "Indietro non si torna"

Archivio video
nuova programmazione